• Google Art Project
  • Facebook
  • YouTube
  • Flickr
  • Trip advisor
  • Twitter
  • Followgram
  • Pinterest

Verba volant scripta manent

19/04/2011 - 19/04/2011

ITINERARI INSOLITI.
Incontri per approfondire scienza, medicina, viaggio e scrittura nel medioevo.
Ore 17.00


Nell’era dell’e-book e dell’iPad, nella quale scrittura e immagini corrono immateriali e veloci nell’etere, può essere sorprendente soffermarsi sull’evoluzione della carta, sulla scrittura e sugli strumenti della comunicazione tout court.   La prima descrizione del procedimento per la fabbricazione della carta, supporto per eccellenza dei nostri scritti, risale al 105 a.C e si deve a Ts'ai Lun, gran dignitario di corte cinese. Questa invenzione, però, impiegò quasi quindici secoli a diffondersi: in Europa, infatti, la carta si trovò a rivaleggiare con la pergamena, ritenuto un supporto migliore e più resistente, e solo con lo sviluppo dell’arte tipografica trovò nuovi spazi. La prima Bibbia, stampata su carta a Magonza da Johann Gutenberg nel 1455 segnò una svolta epocale: i caratteri mobili permisero la pubblicazione più rapida ed economica di un numero sempre maggiore di libri aumentando la richiesta di carta, e soprattutto modernizzando l’universo dell’informazione e della comunicazione.
I legami tra Borgo Medievale e carta stampata sono strettissimi e risalgono alla sua fondazione. Qui trovò sede il Museo Nazionale del Libro, originariamente allestito in occasione dell’Esposizione Nazionale delle Industrie del Lavoro del 1911. Ai tempi, nelle case di Bussoleno, Alba e Cuorgné  furono sistemate la cartiera, la bottega dello xilografo, la stamperia e la legatoria (tutte realmente funzionanti); una collezione di 600 fac-simili fotografici illustrava incunaboli appartenenti alle più importanti biblioteche italiane ed estere. L’esperienza  ebbe purtroppo vita breve:nel 1927 i locali vennero dismessi e, all’inizio degli anni '30, i locali furono affittati per attività artigianali.
In Verba volant, scripta manent Vittorio Cerrato, artigiano della Stamperia Artistica del Borgo, farà conoscere al pubblico le antiche tecniche  per la realizzazione della carta. Il percorso  illustrerà le attrezzature  presenti nella cartiera della casa di Bussoleno, tratterà poi delle diverse filigrane e delle tecniche di stampa con particolare riferimento a quella tipografica con caratteri mobili.  A conclusione, una parte pratica: i partecipanti proveranno a produrre manualmente un foglio di carta.

Durata dell’incontro: un’ora e mezza.
Prossimo appuntamento: Antichi rimedi…oggi - martedì 17 maggio ore 17,00

INFO:
Percorsi destinati a un pubblico adulto; max 25 persone.
Quota d’ iscrizione:
5 euro. Gratuito per i possessori della Tessera Musei. Prenotazione consigliata ai numeri telefonici dei Servizi Educativi: 011/443.17.10 /12 (lunedì- venerdì dalle ore 9.00 alle 12.30 e dalle ore 14.00 alle ore 16.00)
borgodidattica@fondazionetorinomusei.it