– La Rocca

Costituisce il punto focale, elevato rispetto al percorso del Borgo. Di aspetto solido e robusto, si rifà nel volume ai castelli valdostani di Fénis e Verrès e di Montaldo Dora e di Ivrea nel Canavese. E’ la dimora signorile fortificata, con stanze sontuose ricche di mobili, suppellettili, tessuti, a mostrare gli usi di vita nei castelli del Quattrocento. Le corazze, le armi, i passatempi lasciati nel camerone degli uomini d’arme, la sala da pranzo, la cucina, offrono una idea davvero “palpitante e parlante” di un castello sabaudo del XV secolo. Oltrepassata la sala del trono, ove sfilano i Prodi e le Eroine, la camera da letto colpisce per il grande baldacchino dalle cortine ricamate; la cappella chiude il percorso.  

Spostati sulla mappa per scoprire i vari ambienti

Mappa del piano terra

Mappa del piano terra
Atrio Cortile Camerone degli uomini d'arme Cucina Sala da pranzo Carceri Tettoia delle armi

Atrio

E’ una stanza spoglia con feritoie sul fondo; è difesa da un pesante portone rivestito di ferro e da una grata a saracinesca copiata da un raro originale del castello di Verzuolo.

Per saperne di più sull’Atrio

Cortile

La corte interna, fulcro su cui si aprono tutti gli ambienti, riproduce quella del castello di Fénis, in Valle d’Aosta. Ha pianta trapezoidale con pareti affrescate e ballatoi a cui si accede con una ripida gradinata semicircolare.

Per saperne di più sul Cortile

Camerone degli uomini d’arme

Lo stanzone dei soldati di guardia al castello è copiato dal castello di Verrès. E’ arredato spartanamente; la rastrelliera con armi e armature è ispirata a una decorazione del castello di Issogne, Valle d’Aosta.

Per saperne di più sul Camerone degli uomini d’arme

Cucina

E’ divisa in due parti: la cucina per la servitù e i soldati è anche dispensa, la cucina per la preparazione degli alimenti per i signori è dominata da grandi camini e arredata con gran quantità di vasellame, utensili e paioli.

Per saperne di più sulla Cucina

Sala da pranzo

E’ l’ambiente più sfarzoso del castello, dal soffitto con formelle dipinte, copiato dal castello di Strambino, alle credenze intagliate cariche di vasellame pregiato, al finto arazzo che cita le miniature di un manoscritto del XIV secolo.

Per saperne di più sulla Sala da pranzo

Carceri

Tettoia delle armi

All’esterno della Rocca, verso il giardino, la tettoia copiata dal mercato di Verzuolo, nel Cuneese, protegge due macchine da guerra: una catapulta unabalista.

Per saperne di più sulla Tettoia delle armi

Mappa del primo piano

Mappa del primo piano
Stanza del guardiano Antisala baronale Sala baronale Camera da letto Oratorio Stanza della damigella Cappella

Stanza del guardiano

E’ la stanza di controllo e difesa da cui il guardiano abbassa la saracinesca per proteggere il portone in caso di attacco al castello. L’ambiente privo di arredi ha le pareti decorate secondo un esemplare del castello della Manta, Saluzzo, oggi scomparso.

Per saperne di più sulla Stanza del guardiano

Antisala baronale

E’ il luogo di attesa per chi deve accedere alla sala del trono. Mobili intagliati e pareti dipinte a imitazione della tappezzeria hanno come modello il castello di Issogne in Valle d’Aosta.

Per saperne di più sull’Antisala baronale

Sala baronale

Riproduce nella forma e nella decorazione il salone del castello della Manta a Saluzzo: Prodi e Eroine dell’antichità e la Fontana della Giovinezza, temi cari alla letteratura cortese e cavalleresca nel XIV secolo.

Per saperne di più sulla Sala Baronale

Camera da letto

La camera riproduce da Stanza del Re di Francia del castello di Issogne. Imponente al centro della stanza il letto a baldacchino con spesse cortine di velluto.

Per saperne di più sulla Camera da letto

Oratorio

Di piccole dimensioni, è luogo di raccoglimento e di preghiera arredato dal velario di seta sulle pareti e dal un piccolo altare con inginocchiatoio.

Per saperne di più sull’Oratorio

Stanza della damigella

E’ la stanza della dama di camera, di piccole dimensioni e modesta ma ben arredata o ornata. Sulle pareti sono dipinte a losanghe le iniziali di re Arduino di Ivrea.
Per saperne di più sulla Stanza della damigella

Cappella

La cappella è attraversata da una cancellata che separa la servitù dai signori. Molteplici i riferimenti di questo ambiente che riproduce sulle pareti la celebre Salita di Cristo al Calvario, dipinta da Giacomo Jaquerio nella precettoria di Sant’Antonio di Ranverso, nel 1420 ca.

Per saperne di più sulla Cappella

COOKIE E PRIVACY POLICYACCESSIBILITÀCREDITS

BORGO MEDIEVALE – Viale Virgilio, 107 (Parco del Valentino) 10126 Torino
+39 01101167101+39 01101167102
borgomedievale@comune.torino.it

Back to top